Durata: 80’
Prima esecuzione:Lucca, Teatro del Giglio, 4 maggio 2014

Sono sempre stato affascinato dai racconti brevi. Nel libretto che ho scritto per la mia opera da camera ho cercato di focalizzare l’attenzione sui concetti della proprietà e della morte.

Il fratello e la sorella, nella storia, sono molto attaccati alla loro casa, al punto che non vogliono guardare il mondo fuori e, parallelamente, non vogliono guardare fuori da loro stessi.

Poi c’è l’episodio della sorella morta che ritorna: chi sono i very morti? Le persone che noi crediamo morte o solo chi non è più sulla terra?